Gennaro Regina, vulcanico interprete, dallo sguardo curioso, fonde la pittura con varie tecniche di creazione, per dare vita ad opere in cui immerge la propria anima.
Gioia, paura, tristezza, ira, esplodono nelle forti tinte spalmate su tela dipinta e rielaborata.
Sceglie un’ unica voce per declinare ciò che urla dentro: il Vesuvio.
Icona della città natale, da cui trae energia e potenza interiore, dà forma alla sua arte attraverso le linee sinuose del vulcano che si confondono a quelle di una donna.
Non a caso la donna diventa soggetto e mezzo prediletto di provocazione e denuncia contro “il sistema”.
Conscio di essere napoletano, ritrae con personali rielaborazioni il più antico e amato dei paesaggi partenopei con acrilici, oli, tempere e acquerelli.
Romantico e ilare, ingenuo e furbo, perfetto e giocoso, Gennaro Regina è Homo ludens.

Visualizza 1 di 15 su 56

Vista

Visualizza 1 di 15 su 56

Vista