"Per il pittore neo-romantico Gennaro Regina la tonalità del colore rappresenta la motivazione primaria del suo linguaggio espressivo; è l’energia astratta che ha scelto il ruolo di suggestiva presenza, rivelando ogni volta la propria essenza nella strutturazione della forma, vivificandola negli attimi magici di una percettibile, soffusa, malinconia, in momenti solari o vespertini. Le tonalità di Gennaro Regina si possono definire lampi di una continuità motivata, di una poetica di illusioni, di eventi ormai fuori dal tempo e dalla storia."

"Artista onirico e visionario, scandisce il silenzio, trasfigura l’attimo onirico in modo struggente (ecco perché Regina è un pittore neo romantico). Dipinge, per battito d’occhio, il magico non ripetibile.  È sedotto e seduce. A volte sconfina nel metafisico, ma quel momento di presenza di un cielo blu silente alla Magritte è interrotto dal riflesso frusciante dell’acqua di un non identificabile angolo di mare."

(Paolo Levi)

Visualizza 1 di 15 su 19

Vista

Visualizza 1 di 15 su 19

Vista